Hall of Fame

 

In our Hall of Fame you can find all the finalists and judges of the past editions of the Ferruccio Busoni International Piano Competition.

 

  • 1940s
  • 1950s
  • 1960s
  • 1970s
  • 1980s
  • 1990s
  • 2000s
  • 2010s
  • --

Jörg Demus

Austria (Pr.)

Figlio del celebre storico dell’arte Otto Demus e di una violinista, Jörg Demus iniziò lo studio del pianoforte a sei anni. A undici fu ammesso al Conservatorio di Vienna, dove studiò con insigni maestri: pianoforte con Walter Kerschbaumer, organo con Karl Walter, direzione d'orchestra con Hans Swarowsky e Josef Krips, composizione con Joseph Marx. Si diplomò nel 1945 a soli diciassette anni e negli anni Cinquanta si perfezionò con una serie impressionante di grandi pianisti: Yves Nat, Walter Gieseking, Wilhelm Kempff, Edwin Fischer e Arturo Benedetti Michelangeli.

Nel 1956 vinse il Primo Premio al Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni di Bolzano, a cui seguirono concerti in tutto il mondo e regolari tournée in Asia, America e Australia. Ha suonato con le maggiori orchestre internazionali e sotto la direzione di direttori del calibro di Herbert von Karajan, Wolfgang Sawallisch, Seiji Ozawa, André Cluytens, Josef Krips e tanti altri. Assieme ai pianisti austriaci Friedrich Gulda e Paul Badura-Skoda costituì la cosiddetta “troika viennese”. Ha spesso suonato con rinomati cantanti, tra cui Dietrich Fischer-Dieskau, Elisabeth Schwarzkopf, Elly Ameling e Peter Schreier. Fine conoscitore di strumenti antichi, affianca l'attività di concertista a quella di insegnante in corsi di perfezionamento. Come studioso, ha pubblicato numerosi saggi. Come compositore, ha scritto musica da camera e musica pianistica. La sua discografia e videografia supera i 350 titoli, tra cui l'integrale delle opere di pianoforte di Robert Schumann e di Claude Debussy. Numerosi i premi internazionali per le sue incisioni e per la sua attivitá pianistica: nel 1977 è stato insignito del Beethoven-Ring, nel 1979 della Medaglia di Mozart. Nel 1981 ha ricevuto una laurea honoris causa dall'Università di Amherst e nel 1986 il premio Schumann di Zwickau.