Giuria

 

La giuria della Finali del 62° Concorso Pianistico Internazione Ferruccio Busoni verrà pubblicata a breve. 


Considerato dalla critica internazionale come uno dei talenti più interessanti della sua generazione, Benedetto Lupo ha debuttato a tredici anni con il Primo Concerto di Beethoven, imponendosi subito in numerosi concorsi internazionali, tra i quali il Concorso Cortot e il Ciudad de Jaén in Europa, mentre negli Stati Uniti il Robert Casadesus, Gina Bachauer e il Van Cliburn. Nel 1992, quando la sua intensa attività concertistica lo vedeva già impegnato nelle Americhe, in Giappone e in Europa, ha vinto a Londra il Premio Terence Judd. Si è esibito al Lincoln Center di New York, alla Salle Pleyel a Parigi, alla Wigmore Hall a Londra, alla Philharmonie di Berlino, suonando con la Chicago Symphony, Philadelphia Orchestra, Boston Symphony, Los Angeles Philharmonic, Baltimore Symphony, Montreal Symphony, London Philharmonic, Gewandhaus Orchester di Lipsia, Rotterdam Philharmonic, Deutsches Symphonie-Orchester di Berlino. In Italia ha suonato per il Teatro alla Scala di Milano, l’Accademia di Santa Cecilia, l’Orchestra Nazionale della RAI e l’Orchestra Verdi di Milano, il San Carlo di Napoli, la Fenice di Venezia, i Teatri di Bologna e di Firenze, il Carlo Felice di Genova, il Regio di Torino, il Verdi di Trieste, il Massimo di Palermo. Oltre alle sue registrazioni per numerose radiotelevisioni europee e statunitensi, Lupo ha inciso per Teldec, Bmg, Vai, Nuova Era, e per la Arts, tutte le composizioni per pianoforte e orchestra di Schumann. Nel 2005 l’incisione del Concerto Soirée di Nino Rota per Harmonia Mundi ha ottenuto il Diapason d’Or. È Accademico dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.