Opere commissionate

 

Quando arriveremo a constatare che non tutto ciò che è antico è buono e non tutto ciò che è nuovo è cattivo, e che abbiamo fatto finora assai poca strada? Perciò non voltiamoci a guardare indietro, e non fermiamoci, perché il tempo non conosce arresti e la vita è limitata e incerta”.

Ferruccio Busoni, “Fino a quando?”. A bordo dell'R.M.S «Oceanic», 23 dicembre 1910

 

La filosofia di Ferruccio Busoni – per tutta la sua vita attivo promotore di un dialogo tra tradizione e innovazione, esploratore di nuove vie della tecnica pianistica con lo sguardo sempre teso verso il futuro – viene incondizionatamente abbracciata dalla Fondazione Busoni. Grazie al sostegno della Ernst von Siemens Musikstiftung, la Fondazione ha potuto commissionare negli anni una serie di nuove composizioni per pianoforte, eseguite in prima assoluta come prove del Concorso o nell'ambito del Festival Busoni.

La Fondazione Busoni è lieta di poter omaggiare anche in questo modo lo spirito innovatore di Ferruccio Busoni, promuovendo il lavoro di alcuni dei compositori più interessanti della scena musicale contemporanea.

 


 

2016 | Aureliano Cattaneo, Corda

Corda è un lavoro per pianoforte ed elettronica. L'idea principale di corda è l'integrazione dello strumento acustico con l'elettronica, realizzata attraverso l'uso di sette trasduttori applicati direttamente sulla cassa di risonanza del pianoforte in modo che lo stesso pianoforte funzioni da altoparlante. Tutti i suoni escono quindi direttamente dallo strumento, creando una sensazione di "trompe-l’oreille" per cui a volte è difficile distinguere il suono originale da quello elettronico. In corda ho lavorato sulla possibilitá di manipolare il suono del pianoforte in tempo reale; il punto di partenza é dato dall'idea di poter "scordare" lo strumento secondo l'intonazione naturale dei suoni armonici (Aureliano Cattaneo). 

Opera commissionata da Annie Clair e da parte della Fondazione Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni con il gentile sostegno della Ernst von Siemens Musikstiftung. 
 

2014 | Mauricio Sotelo, Ancora un segreto per pianoforte solo

Eseguito all'interno del Festival Busoni 2014 dal pianista Juan Carlos Garvayo, Ancora un segreto prende ispirazione dalle riflessioni e conversazioni di Alfred Brendel e del compositore spagnolo Sotelo in merito alla Sonata in si minore di Liszt. Un suggestivo gioco di specchi tra l’intramontabile capolavoro lisztiano e il presente.  

 

2013 | Rebecca Saunders, Shadow

Shadow è il significativo titolo della composizione della compositrice inglese Rebecca Saunders, in cui le armonie verticali vengono scomposte secondo le loro ombre sonore in modo da proiettare luci differenti sull’accordo. Il pianista viene chiamato a un'interpretazione molto impegnativa che richiede l'utilizzo delle tecniche esecutive più disparate, dagli accordi suonati con l’intero avambraccio ai pungenti toni pizzicati fino ad includere l’utilizzo virtuosistico del terzo pedale.

 

2010 | (a cura di) Nicolas Hodges, Études

Il progetto portato avanti dal pianista Nicola Hodges ruota intorno al genere degli studi pianistici e al loro ripensamento e ruolo nelle tendenze della musica contemporanea. Committenti per questo progetto sono la Fondazione Concorso Busoni (con i fondi della Ernst von Siemes), che ha commissionato sei studi ai compositori Pauset, Wuorinen, André, Hosokawa, Sørensen, Furrier, Saunders, Sotelo e la Phiharmonie di Lussemburgo per i compositori Finnissy, Francesconi, Rzewski.   

 

2007 | Wolfgang Rihm, Sotto voce 2, Capriccio für Klavier und kleines Orchester

Eseguito  per la prima volta  il 21 luglio 2007 a Erl dall'Orchestra Haydn, in seguito come seconda prova con orchestra in occasione delle fasi finali del Concorso Busoni 2007, Sotto voce 2 è l'ideale proseguimento del lavoro sulla scrittura pianistica iniziato da Rihm con Sotto voce (1999), dedicato a Daniel Barenboim. Sotto voce 2 è stato commissionato dal Concorso Ferruccio Busoni, dai Tiroler Festspiele di Erl e dalla Luzerner Symphonieorchester. 

 

2005 | Stefano Gervasoni, Fantasia. Invenzione a una voce per pianoforte e orchestra

Eseguito per la seconda finale con orchestra dell'edizione 2005 del Concorso Busoni, Fantasia è un'opera composta da materiali eterogenei, tra cui citazioni (l'ultimo studio op. 25 di Chopin) e autocitazioni (Studio di disabitudine del compositore stesso) si fondono in una scrittura pressochè monodica (da qui il sottotitolo) che tende ad acquisire una dimensione virtualmente polifonica.